Pardule… un dolce tipico Sardo!

 

Le Pardule, o Pardulas, sono dei dolci tipici sardi a base di ricotta di pecora, zafferano,  e aromatizzate con la scorza grattugiata di arancia e limone.

Il ripieno, composto di questi ingredienti, viene racchiuso in un cestino di pasta violata chiuso a pizzichi a formare una corolla.

Vengono decorate o con dello zucchero a velo, oppure, come ho fatto io in questo caso, con una glassa e dei moscardini.

Ingredienti per il ripieno

  • 500 g di ricotta di pecora
  • 1 tuorlo grande o 2 piccoli
  • 125 g di zucchero
  • 130 g di semola fine
  • 30 g di farina
  • 1 bustina di zafferano
  • la scorza grattugiata di un arancia
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 6 g di lievito in polvere

Per la sfoglia:

  • 170 g di semola rimacinata
  • 20 g di strutto
  • 1 albume d’uovo
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero un pizzico
  • circa 40 g di acqua tiepida

Procedimento:

Per preparare le Pardule innanzitutto è essenziale che la ricotta che utilizziamo sia ben asciutta, perciò vi raccomando di metterla a sgocciolare almeno il giorno prima dell’utilizzo in un colapasta coperto con della pellicola, in questo modo perderà tutto il siero.

In alternativa potete strizzarla con forza utilizzando un canovaccio bianco adatto.

Preparate il ripieno la sera prima.

Passate la ricotta con il passa verdure per scioglierla e mettetela in una ciotola, aggiungete lo zucchero, il tuorlo d’uovo, la scorza grattugiata dell’arancia e del limone, lo zafferano e infine la farina e la semola fine.

Amalgamate tutto assieme, coprite e riponete in frigo.

La mattina successiva toglietelo dal frigo e lasciatelo stemperare.

Nel frattempo preparate la sfoglia per i cestini delle pardulas:  mescolate la semola rimacinata assieme a un pizzico di sale, l’albume e lo strutto, e piano piano aggiungete l’acqua tiepida dove avrete fatto sciogliere un pizzico di zucchero.

Lavorate sino a quando otterrete un impasto liscio e uniforme.

Ora coprite e lasciate riposare per circa 20/30 minuti.

Trascorso il tempo di riposo, tirate la basta aiutandovi con la sfogliatrice o un mattarello, non deve essere troppo sottile.

Con un coppa pasta di diametro 8 cm create dei cerchi.

Componete con le mani delle polpette grandi come una noce con l’impasto della ricotta ed adagiatene una in ogni cerchio subito dopo averla creata.

Chiudete il cerchio tirando la pasta un po’ verso l’alto e pizzicando ai lati per sigillare e andando a formare una corolla.

Sistemate le pardule su una teglia e mettete a cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti.

Una volta cotte, sfornate e lasciatele raffreddare.

Decorate le pardule a vostro piacere con della glassa e dei moscardini,  oppure con dello zucchero a velo.

 
 
 
 

 
 
 
 
 
Consigli:
 
 
 
Le pardule si conservano bene per 4 giorni,
volendo potete congelarle e portarle fuori un’ora prima di servirle.
 
 
 
 
 
Potrebbe interessarvi anche la ricetta della focaccia pugliese
 
 
Se ti piacciono le mie ricette ti aspetto anche su Instagram Facebook.

 

2 Risposte a “Pardule… un dolce tipico Sardo!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.